Dennis Kucinich

Pubblicato da davide il

afferma di aver visto un UFO

WASHINGTON (Reuters) – L’aspirante alla Casa Bianca Dennis Kucinich può anche essere stato ridicolizzato per la sua affermazione di aver visto un UFO ma, per alcuni ex piloti militari e altri osservatori altrettanto qualificati, gli Oggetti Volanti Non Identificati non sono certo argomento da ridere.

Un comitato internazionale composto da due dozzine di ex piloti e ufficiali governativi ha chiesto lunedi, al Governo degli Stati Uniti, di riaprire le proprie indagini interrotte più di una generazione fà. Tale richiesta si basa sull’enorme volume di avvistamenti tuttora riportati di dischi volanti, sfere luminose e strani oggetti in cielo che continuano ad affluire da tutto il mondo e che devono essere considerati argomento di sicurezza nazionale.

“Soprattutto dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001 non possiamo permetterci di continuare ad ignorare gli echi radar…indicanti la presenza di velivoli non riconducibili ad aerei o elicotteri conosciuti,” hanno detto i membri del Comitato in una conferenza stampa.

I membri del gruppo, provenienti da sette nazioni e tra i quali si contano molti ufficiali militari in pensione, hanno tutti affermato di aver avvistato personalmente degli UFO o di aver condotto ricerche personali sull’argomento.

L’argomento UFO ha investito anche la campagna presidenziale in corso perchè, il mese scorso, il candidato Dennis Kucinich, membro del Congresso proveniente dall’Ohio, ha affermato durante un dibattito televisivo di aver avvistato un oggetto volante non identificato.

Anche i presidenti Ronald Reagan e Jimmy Carter riportarono in passato di aver avvistato degli UFO.

Anche se la maggior parte di tali avvistamenti si rivelano essere spiegabili in termini di aerei, satelliti o meteore, resta sempre almeno un 5 per cento di casi che non trovano spiegazione, come ha sottolineato un ex funzionario del Ministero della Difesa inglese.

Ma, secondo i promotori dell’iniziativa, anche gli avvistamenti che restano senza spiegazione vengono puntualmente ignorati dalle autorità.

“Il problema è se vogliamo credere a quello che ci dicono gli occhi o a quello che ci dice il Governo” ha ribadito John Callahan,ex investigatore dell’Ente Federale per l’Aviazione e ha rivelato che nel 1987 la CIA tentò di mettere a tacere l’avvistamento avvenuto in Alaska di una enorme sfera di luce delle dimensioni di un Jumbo Jet.

Il Comitato, organizzato da un gruppo che vuole ridare credibilità allo studio sugli UFO, ha sollecitato Washington a riprendere gli studi sul fenomeno sotto l’egida dell’Aviazione o della NASA.

“Ciò contribuirebbe ad abbassare di molto il livello di ansia connesso a questo argomento” ha detto l’ex Governatore dell’Arizona Fyfe Symington che ha riferito di essere stato uno delle centinaia di testimoni che avvistarono un enorme triangolo luminoso attraversare il cielo di Phoenix nel 1997.

L’Aviazione ha investigato 12618 casi di avvistamenti UFO tra il 1947 e il 1969 in quello che venne conosciuto come Progetto Blue Book. Gli studiosi conclusero che quegli incidenti non rappresentavano un pericolo per la sicurezza nazionale e che non vi era alcuna prova che si trattasse di alieni spaziali nè che vi fosse coinvolto alcun tipo di super-tecnologia ignota.

Intanto, sul proprio sito Internet l’Aviazione ha recentemente ribadito: “Dalla cessazione del Progetto Blue Book in poi non sono intervenuti fatti degni di nota che giustifichino la riapertura delle indagini.”

(Reporting by David Morgan; Editing by Joanne Kenen, David Alexander, Stuart Grudgings)

 

Categorie: ArticoliNews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *